Home Annunziando La nostra Chiesa di Noto in Sinodo

La nostra Chiesa di Noto in Sinodo

da Redazione
298 visualizzazioni

Con la convocazione del Sinodo dei Vescovi sulla Sinodalità della Chiesa, papa Francesco invita l’intera Chiesa a riflettere su un tema decisivo per la sua vita e la sua missione: «È proprio questo cammino di sinodalità che Dio si aspetta dalla Chiesa del terzo millennio».

Sulla scia del rinnovamento della Chiesa proposto dal Concilio Vaticano II, questo cammino percorso insieme è al tempo stesso un dono e una responsabilità.  Illuminati dalla parola di Dio e uniti nella preghiera, saremo in grado di discernere i processi da attivare per cercare la volontà di Dio e seguire le vie che Dio ci chiama a percorrere  verso una comunione più profonda, una partecipazione più piena e una maggiore apertura a compiere la nostra missione. La  sinodalità  indica il cammino fatto insieme dal popolo di Dio,  pertanto rinvia al Signore Gesù che presenta se stesso come “la via, la verità e la vita” (Gv 14,6), e al fatto che i cristiani, alla sua sequela, sono in origine chiamati “i discepoli della via” (cf. At 9,2; 19,9.23; 22,4; 24,14.22).

La sinodalità permette a tutto il popolo di Dio di camminare insieme, in ascolto dello Spirito Santo e della parola di Dio, per partecipare alla missione della Chiesa nella comunione che Cristo stabilisce tra noi. In definitiva, questo cammino percorso insieme è il modo più efficace per manifestare e mettere in pratica la natura della Chiesa come popolo di Dio pellegrino e missionario.

L’intero popolo di Dio condivide una comune dignità e vocazione attraverso il battesimo. Tutti noi siamo chiamati, in virtù del nostro battesimo, a partecipare attivamente alla vita della Chiesa. Nelle parrocchie, nei movimenti laicali, nelle comunità religiose e in altre forme di comunione, donne e uomini, giovani e anziani, siamo tutti invitati ad ascoltarci l’un l’altro per sentire i suggerimenti dello Spirito Santo, che viene a orientare i nostri sforzi umani, immettendo vita e vitalità nella Chiesa e guidandoci in una comunione più profonda in vista della nostra missione. Mentre la Chiesa intraprende questo cammino sinodale, dobbiamo fare tutto il possibile per radicarci in esperienze di autentico ascolto e discernimento avviandoci a diventare la Chiesa che Dio ci chiama ad essere.

Il nostro vescovo Mons. Salvatore Rumeo, ci invita tutti a vivere questo suo primo anno del  ministero in diocesi con atteggiamento sinodale, declinando la spiritualità di comunione come dialogo fraterno, per concretizzarsi in gesti credibili di riconciliazione e solidarietà, testimoniando nella fraternità ecclesiale il volto della misericordia del padre che in Gesù parla al cuore di tutti, avviandoci così verso l’attuazione delle linee guida della CEI del 2024-2025 per vivere la sinodalità in nuove forme di partecipazione, corresponsabilità e ministerialità e rileggere la vita della nostra Chiesa locale in riferimento all’annuncio del vangelo, alla vita sacramentale e alla carità.

di Tina Di Rosa

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più