Home Annunziando Tutti ai propri posti … Mai arrendersi

Tutti ai propri posti … Mai arrendersi

da Redazione
508 visualizzazioni

Come ogni sabato andiamo al nostro consueto incontro di catechismo, quest’anno improntato sul percorso proposto dall’ACR. Ad aspettarci ci sono le nostre educatrici che con cura e attenzione preparano i nostri incontri lasciandosi ispirare dallo Spirito Santo. Il tema di quest’anno dell’Azione Cattolica Ragazzi è “Ragazzi che Squadra”.

Ci siamo tanto soffermati sull’importanza del “fare ed essere squadra” in cui ognuno è sceso in campo per giocare la partita della vita con le proprie bellezze, fragilità, limiti e debolezze.

Il tempo della Quaresima ci ha aiutato ad entrare nel vivo di questa convocazione. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere meglio Gesù, i componenti della nostra squadra e il ruolo con il quale siamo stati chiamati ad entrare in campo. È proprio in questo tempo che abbiamo sperimentato la fatica dell’allenamento ma anche la bellezza di diventare più grandi, consapevoli dei nostri limiti e delle qualità che dobbiamo continuare a curare.

Molte volte a noi ragazzi capita di non rendersi conto delle proprie fragilità, che si possono trovare anche nei posti meno immaginabili, e pertanto non si riesce a superarle e questo, la maggior parte delle volte, causa in tutti una perdita di fiducia in quello che si fa. È per questo che nel periodo di Quaresima siamo invitati a riflettere su noi stessi e a curare l’interiorità di ognuno di noi. Infatti il periodo di Quaresima è un periodo in cui, oltre a sentirsi più legati con Dio, si ci concentra su di sé e si pensa ai modi per potersi migliorare.

La nostra attività si è basata proprio sulle fragilità e sull’imparare a riconoscere i propri punti deboli. Abbiamo fatto gioco per far passare bene il concetto che i nostri limiti non sono un punto di arrivo che impediscono di andare oltre ma, al contrario, di ripartire proprio da essi per crescere e compiere passi sempre più grandi. Devo dire che, tra chiacchiere e risate, l’obiettivo è andato a buon fine e i ragazzi sembravano piuttosto appassionati all’idea di concentrarsi sullo scoprirsi. Giocando abbiamo compreso l’importanza di avere fiducia nelle nostre capacità e a rendere ogni ostacolo una nuova straordinaria possibilità.

Tra fragilità e potenzialità ci siamo messi in gioco per crescere, cambiare, trasformare tutto ciò che non va ed esercitarci a rispondere al meglio all’invito di Gesù “Vieni con Me!”. Così come i discepoli, anche noi siamo in cammino per la conversione del cuore scoprendo che solo insieme si giunge alla salvezza che rende piena la vita. Questa per noi è la nostra Resurrezione, la nostra rinascita!

di Marianna Veca

 

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più