Home Annunziatelo sui tetti “Oggi si è compiuta questa Scrittura”. Commento alla III DOMENICA T.O.

“Oggi si è compiuta questa Scrittura”. Commento alla III DOMENICA T.O.

da Redazione
634 visualizzazioni

Siamo arrivati alla III domenica del tempo ordinario “dedicata alla celebrazione e divulgazione della Parola di Dio” istituita da Papa Francesco nel settembre del 2019.

Oggi la scrittura antepone il prologo del vangelo di Luca, alla visita di G
esù nel tempio di Nazaret.

In questa domenica il Vangelo è rivolto ai cristiani della terza generazione provenienti dal paganesimo, distanti da Cristo nello spazio e nel tempo. Lui si rivolge all’illustre Teofilo per raccontare quei fatti che hanno cambiato la storia.  Nel racconto degli avvenimenti che hanno contraddistinto la vita del messia, il nostro giovane evangelista mette al centro l’uomo concreto, salvato da Gesù, in maniera tale che noi tutti possiamo grazie a tali fatti renderci conto che la nostra fede ha solide basi. Non è una leggenda.

Dopo questa introduzione il vangelo passa subito al capitolo IV, nel quale viene descritto come Gesù annunciava la parola, nella fraternità.

Il suo modo è uguale in tutta la sua predicazione che va dal Giordano, dove riceve il battesimo, a Nazareth, la sua città.

E proprio qui fra i suoi concittadini, nel tempio, nel giorno di sabato, Lui il figlio di Maria prende in mano le sacre scritture e non solo le legge, ma si riconosce in esse, lasciando sbigottititi coloro che lo ascoltavano e conoscevano le sue umili origini.

La parola di Dio che fino a quel momento è stata incompresa, ora viene commentata e si realizza. Gesù legge la promessa di Isaia 61 e realizza l’anno sabbatico annunciato dal profeta.

Chiude il libro ma gli occhi sono ancora puntati su di Lui. La Parola di Gesù, che oggi celebriamo proprio in questa domenica, è la realizzazione stessa di quella buona notizia, di cui tanto si è profetizzato. La scrittura si compie proprio in quel momento negli orecchi di chi ascolta.

Gesù è l’ascoltatore perfetto che per primo compie la volontà del Padre. A sua volta noi che ascoltiamo la parola viviamo una nuova vita, nel nostro presente. Viviamo la salvezza che lui ha annunciato 2022 anni fa. Diventiamo suoi contemporanei.

La parola se ascoltata esiste sempre e ci salva.

di Maria Sacchetta

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più