Home Volere Volare Volere Volare

Volere Volare

da Redazione
965 visualizzazioni

I giorni dell’Avvento hanno portato in grembo, nella comunità ispicese, un nuovo progetto che vede il suo concretizzarsi proprio all’inizio del nuovo anno.
Si tratta del Cantiere Educativo “ Volere Volare”: un progetto fortemente voluto e portato in essere a seguito di un cammino di riflessione e attento sguardo alla realtà dalle comunità parrocchiali Ss.ma Annunziata e S. Antonio Abate di Ispica. Il Cantiere Educativo nasce con la finalità di essere una risorsa per tutto il vicariato ispicese, un seme di speranza piantato nel periodo estremamente delicato e complesso quale quello della pandemia che stiamo attraversando. Le difficoltà dei piccoli, delle famiglie, di ciascun individuo, non possono non lasciarci indifferenti; non si può non pensare al futuro e a ciò che di bello e positivo possiamo adesso coltivare, seppur con fatica, per raccoglierne i frutti nella società di domani: un domani che tuttavia ci appartiene e di cui siamo responsabili. Ed è proprio questo forte senso di responsabilità che spinge a far fronte alle inevitabili difficoltà che il momento attuale immette nel cammino e a non indietreggiare davanti agli arresti, alle varie norme da rispettare e ai protocolli da seguire. In un cantiere i lavori sono sempre in corso, e Volere Volare ce la mette tutta per spiccare il volo!

Situato fisicamente nei locali della Parrocchia S. Antonio Abate, il Cantiere vuole essere un luogo di crescita e formazione per i bambini, attraverso l’attenzione allo studio, la cura individuale e l’inserimento in una rete di relazioni sane che mirano a tessere amicizie allargate anche alle famiglie.

Sulla scia degli altri cantieri educativi presenti nella nostra diocesi di Noto, anche Volere Volare mette al centro il futuro delle nuove generazioni e lo fa puntando proprio in alto, sognando di volare, come indica il nome stesso che è stato dato al cantiere, ispirato a “ Il piccolo principe” dello scrittore francese Antoine da Saint-Exupèry. Il piccolo aviatore è il simbolo di ogni bambino che sogna di volare alto, facendo sogni belli, crescendo nell’amore e nell’educazione a valori alti per migliorarne la vita. Dal Cantiere anche i grandi, però, hanno da apprendere: il sostegno amorevole ai piccoli non può non catturare e non far riflettere. Da loro si apprende la bellezza della spontaneità, la semplicità dei gesti teneri, lo stupore dei sorrisi, l’amore che trasmettono i loro occhi. Il contatto con le loro difficoltà e sofferenze mantiene i piedi fortemente piantati a terra, ma anche con il cuore rivolto al Cielo, come ha detto don Manlio in questi primi giorni di contatti iniziali con i bambini e le loro famiglie. Cuore e sguardo rivolti al Cielo: perché dall’alto non si vedono confini e differenze e siamo parte di un unico mondo. Questo vuole essere il Cantiere, un luogo di integrazione e interazione, un crocevia di culture diverse che camminano in un’unica direzione, quella del superamento di preconcetti per far emergere un mondo nuovo e un modo nuovo di guardare all’altro, avendone a cura le sofferenze e sostenendone le difficoltà. Proprio per questo Volere Volare nasce nel quartiere antico della nostra città, dove la presenza di extracomunitari si fa più massiccia e dove mira a essere realtà concreta di pace e di crescita.

Le attività porranno attenzione ai compiti scolastici per sostenere i bambini che faticano nell’acquisizione di contenuti e nozioni; a tale scopo importante sarà il legame con i loro insegnati, alcuni dei quali saranno di supporto al cantiere stesso. All’accompagnamento scolastico verranno associate attività ludiche e ricreative che avranno la finalità di far crescere i bambini educandoli al rispetto delle regole, di sviluppare e valorizzare i loro talenti attraverso percorsi creativi appositamente pensati e programmati. In tutto questo fondamentale sarà il supporto e l’aiuto dei giovani, per i quali il Cantiere sarà luogo di servizio, di esperienza di carità e di formazione di coscienze valide, per essere protagonisti del futuro della nostra città.
Con questa prospettiva, il Cantiere diventa una bella risorsa per l’intera comunità ispicese.

Nell’attenzione a chi vive nel disagio, nel sostegno ai bambini, nell’essere testimoni veri del Vangelo, tutti possiamo contribuire e toccare con mano quanto arricchente possa essere l’esperienza del dono gratuito.

Volere Volare ha aperto le proprie porte proprio in questi giorni incontrando i bambini e i loro genitori. E’ stata l’occasione per iniziare conoscenze e avviare legami, sottolineando lo spirito di unione, comunione e fratellanza che animerà i volontari e gli animatori insieme al parroco. Pur nella distanza e nella mancanza di abbracci, si è riusciti a trasmettere con gli sguardi tutta la voglia di esserci e di formare un’unica famiglia, tutta la gioia di voler guardare insieme in alto per cercare quel di più di cui tutti siamo destinatari.

Carmeluccia Lorefice
Animatore del Cantiere Educativo

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più