Home Strada facendo… Da Betlemme a Greccio … La Novena dei ragazzi 2022

Da Betlemme a Greccio … La Novena dei ragazzi 2022

da Redazione
410 visualizzazioni

Come ogni Natale, anche quest’anno in parrocchia abbiamo organizzato la Novena dedicata ai bambini e ragazzi della catechesi ispirata a S. Francsco e al Presepe di Greccio (paesino vicino Rieti); cinque giorni vissuti intensamente con racconti, canti e sorteggio finale di bambinelli e natività… momento intensamente aspettato dai bambini con gioia ogni anno!!!

Il primo giorno animato dai bambini di II e III elementare ha visto protagonista S. Francesco, che riceve una lettera di invito da parte degli abitanti di Greccio che gli chiedono di andarli a trovare; nonostante la strada e il lungo cammino S. Francesco corre da loro, capisce che è una richiesta d’aiuto. Il tutto è simpaticamente animato e recitato dai bambini vestiti da abitanti del paesino e da un S. Francesco che appena nasce Gesù bambino lo prende tra le sue braccia e lo alza mostrandolo a tutti (il miracolo di Greccio). La felicità e la gioia dei bambini nel vedere il bambinello esplode in un fragoroso applauso.

Nel secondo giorno i bambini di IV e V elementare hanno animato la novena interpretando Gesù, papa Gregorio e i poveretti di Greccio. Tutto gira attorno alla nascita di Gesù e alla felicità dei pastori che gioiosi andarono a preparare con il latte munto, tante cose buone per i poveri del paese. “I ricchi saranno umiliati ed i poveri esaltati” disse Isaia nell’Antico Testamento e ripetuto dopo da Maria… e così fu! A tal fine tutti i bambini prendendo spunto dal racconto divisero dei biscotti fatti in casa con l’impegno di adoperarsi ognuno a dar da mangiare a qualcuno che si sa di esserne bisognoso.

Nel terzo giorno ai più piccini (piccolissimi e bimbi di I elementare) è toccato il compito di raccontare S. Francesco che si reca dal barone di Greccio per invitarlo a vedere il bambino Gesù; ma il ricco barone era visto male dagli abitanti del luogo perchè un giorno, ingordo, passando per le vie del paesino vide una bella e grassa pecorella e la uccise con l’intento di mangiarla poi per la festa di capodanno. Era pentito e S. Francesco capendo ciò si avvicinò al corpo della pecorella messa sotto uno strato di ghiaccio e… la pecorella era più viva di prima! Il barone a tal fine la portò al povero a cui l’aveva sottratta; il loro impegno nasceva da questo momento nel mettere da parte qualche soldino da dare ad un poverello. I bambini spesso ci insegnano che basta poco per rendere felice l’altro.

Nel racconto del quarto giorno i ragazzi delle scuole medie interpretano S. Francesco che parla con il parroco perchè l’idea del presepe venga approvato in tutto il mondo e ad invitarlo a creare un presepe fatto dai bambini proprio  vicino alla Chiesa in maniera tale da sentir ancor più vicino l’amore di e per Gesù. A tal fine vengo divisi dei biglietti di auguri da portare a tutte le famiglie nei giorni che precedono il Natale, per strappare un sorriso a coloro che non possono uscire da casa perchè soli o ammalati e per viviere un momento allegro e spensierato per le vie della parrocchia, tutti insieme.

L’ultimo giorno della Novena è stata itinerante, ovvero dalla parrocchia al convento di Gesu, percorrendo il viaggio verso betlemme con diverse “fermate” animate da tutti i nostri ragazzi e bambini con letture, canti e musica (novena musicale suonata dai ragazzi con i loro strumenti), allietando passo per passo il “nostro viaggio” .

Quello del Natale è un periodo magico, gioioso soprattutto per i più piccini…proviamo per un attimo a guardare questo periodo con gli occhi di un bambino, a stupirci per le piccole cose, a rallegrarci nello stare insieme, a stupirci nel recitare a memoria senza leggere in una novena, a vincere al sorteggio una piccola statuina, a cantare e ballare insieme, ad andare in giro e bussare per le case per augurare un sereno natale … la gioia sta nelle piccole cose e Gesù ce lo insegna ed i piccoli già lo sanno…

di Melinda Nobile

1 commento

Salvatore Donato BRUNO 30 Dicembre 2022 - 00:05

Bravissima .

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più