Home Strada facendo… Lo “sguardo giovane” sui campi scuola

Lo “sguardo giovane” sui campi scuola

da Redazione
343 visualizzazioni

Pubblichiamo un articolo che riporta l’esperienza appena conclusa dei campi scuola vissuta dai nostri animatori. I nostri ragazzi, encomiabili compagni di viaggio di quanti anche quest’anno hanno vissuto l’esperienza dei campi scuola.

Immagino sia stato chiesto un po’ a tutti, e anche frequentemente, prima dell’inizio dell’estate, cosa avremmo fatto durante queste vacanze, come avremmo riempito i giorni, e di certo la risposta di alcuni ragazzi del post cresima deve essere stata: animare i campeggi estivi.

E’ da qualche anno che la parrocchia della SS. Annunziata organizza diversi eventi estivi per i ragazzi, e uno di questi, forse il più atteso, è quello dei campeggi nel mese di luglio; si tratta di campeggi che si tengono ogni anno al convento di Gesù, organizzati per i ragazzi del catechismo della parrocchia, che frequentano le classi dalla prima elementare alla terza media.

La tematica dei campeggi di quest’anno è stata la salvaguardia dell’ambiente e, per l’organizzazione delle varie attività da parte degli adulti responsabili, sono stati ben accolti anche l’aiuto e la partecipazione di noi ragazzi del post cresima come animatori, sia per aiutare i grandi con i ragazzi del catechismo che per avere la possibilità di vivere noi stessi l’esperienza.

Le diverse classi sono state divise in turni dal 1 al 24 luglio ed ognuno di noi è stato assegnato ad un turno. E’ stato facileimmedesimarci subito nel ruolo di animatori ed entrare in confidenza con i ragazzi, soprattutto anche grazie alla disponibilità che hanno mostrato loro stessi nel farlo, accogliendoci senza troppi problemi come loro guide; con loro abbiamo condiviso intere giornate: di sicuro alcuni dei momenti più felici li abbiamo passati giocando e divertendoci con lorodurante le varie attività organizzate da noi, ma il momento che loro attendevano più degli altri era la notte, durante la quale ragazzi e ragazze si divertivano a fare scherzi ai loro compagni. Oltre allo scherzo non sono mancati i momenti seri di catechesi e riflessione vissuti insieme per far comprendere ai ragazzi la tematica della salvaguardia della ‘’casa comune’’ e la vicinanza di Dio durante questo nostro percorso. Tuttavia, in alcuni momentiabbiamo incontrato delle difficolta nel gestire i ragazzi, soprattutto a causa del loro gran numero, ma nonostante tutto siamo riusciti a superarle.

Per concludere, è proprio grazie a questi momenti sia belli che brutti e ai ragazzi che ci hanno reso partecipi del loro quotidiano, che possiamo definire questa esperienza davvero unica ed educativa, da cui certo abbiamo imparato tanto.

di Sofia Ruta

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più