Home Volere Volare “Natale ti mette le ali”. Il Natale 2021 a Volere Volare

“Natale ti mette le ali”. Il Natale 2021 a Volere Volare

da Redazione
751 visualizzazioni

Quello appena trascorso è stato il primo Natale a Volere Volare. Un Natale a tratti incerto date le difficoltà dettate dal periodo pandemico che ci troviamo a vivere; tuttavia, non abbiamo voluto cedere allo scoraggiamento che a volte sembrava prendere il sopravvento e voleva suggerire di rinunciare a vivere questi giorni di festa con l’entusiasmo e la gioia che li contraddistinguono.

Questo primo nostro Natale, vissuto facendo memoria della gioia assaporata durante la festa del Ramadan lo scorso mese di maggio, ha voluto essere prima di tutto una occasione per far vivere ai bambini momenti nuovi di festa e occasione per dare all’attesa del Natale il sapore che ha la bellezza dello stare insieme perché in questo momento storico tutti ne abbiamo bisogno e soprattutto i bambini ce lo trasmettono in vario modo.

Abbiamo allora pensato prima di tutto a creare un’atmosfera calda e accogliente all’interno dei locali del cantiere. Gli addobbi fatti da noi, usando i colori delle tempere, il luccichio dei brillantini e la creatività bella e unica dei bambini, hanno dato agli ambienti una bellezza nuova e hanno reso i bambini orgogliosi di aver contribuito a ricreare calore e aria di festa.

Piano piano, passo dopo passo, e i passi ce li hanno suggeriti proprio i bambini, ci siamo resi conto che questo tempo di attesa andava vissuto al meglio, che ogni piccolo passo, seppur piccolo, doveva condurci a qualcosa di speciale: è il mistero del Natale che ci fa mettere in cammino per vivere attimi di sosta, perché a volte stanchi o poco fiduciosi, ma anche la trepidante ansia della corsa verso la meta.

La festa di fine anno, costruita a poco a poco, ha preso la forma più bella e speciale che potevamo darle: quella dell’amicizia, dell’affetto che ci lega, della voglia di vivere momenti di spensieratezza e allegria, quelli che nascono dal cuore di ognuno quando si scopre desiderato e amato. I bambini questo ci suggeriscono: non importa da dove veniamo, in quale Dio crediamo, quale cultura abbiamo; l’amore ci rende uguali, ci trasforma, ci fa fare festa e gioire della gioia dell’altro, l’amicizia supera ogni convinzione e ci fa fare cose meravigliose. Insieme ci siamo scoperti capaci di volare; questa bellissima sensazione ha suggerito il titolo che abbiamo voluto dare alla nostra festa e a tutto il periodo che l’ha preceduta con le attività e le iniziative che ne hanno segnato la preparazione.

“Natale ti mette le ali!”: è il desiderio di vivere questo periodo insieme a chi vuoi bene, facendo cose nuove ma anche semplici, che ci fa riscoprire sospesi da terra, capaci di volare. C’è però una magia, a volte sconosciuta ai più: questa capacità di volare la si sperimenta solo se ci si tiene per mano. Se tengo stretta la mano del mio amico e non mollo la presa, allora la stretta ci fa diventare leggeri e ci fa sollevare da terra per fare voli speciali. Quando ci teniamo per mano, ci possiamo sostenere, possiamo annullare i passi difficili da fare, possiamo alleggerire le pesantezze dell’altro e rendere il cuore più largo e libero. Il girotondo intorno all’albero prima di mettere insieme gli addobbi fatti dai bambini, ha avuto questo spirito e ha fatto vivere a tutti un momento di vera allegria e amicizia.

“Natale ti mette le ali” è stata anche occasione per estendere il desiderio di volare a tutta la famiglia del cantiere, coinvolgendo le mamme dei nostri bambini e i bambini più grandi che hanno frequentato il cantiere lo scorso anno. È così che noi animatori abbiamo pensato, voluto e organizzato un laboratorio creativo assieme alle mamme: una mattinata trascorsa insieme per creare i vestitini che i bambini avrebbero indossato in occasione della festa. L’invito è stato accolto con entusiasmo e il cantiere con le mamme al posto dei bambini, ha lasciato un ricordo speciale che ci ha suggerito vie da tracciare anche in futuro. L’amicizia voluta e coltivata con le famiglie dei bambini è il modo per creare ponti, per fare della diversità di ognuno una fonte di arricchimento e crescita.

È stata occasione per condividere opinioni, pensieri, per noi animatori, per spiegare i motivi che ci hanno portato a volere una festa di Natale anche se molti dei nostri bambini hanno un credo diverso. È stato bellissimo poter esternare i nostri sentimenti e il nostro desiderio di volere fare festa tutti insieme perché al di là della cultura di ognuno, è stato forte il desiderio di far vivere ai bambini momenti belli di gioia, condivisione e amicizia: tutti sentimenti che fanno bene al cuore e di cui i bambini hanno tanto bisogno.

Tale è stato il pomeriggio dedicato ai biscotti, in cui le manine dei bambini sono state le protagoniste indiscusse e hanno trasformato il cantiere in una pasticceria. Le mani in pasta, le formine dei biscotti, il cioccolato, le codette colorate e il profumo squisito che ha inondato il nostro cantiere, sono stati gli ingredienti che hanno dato ai biscotti che i piccoli hanno poi condiviso insieme il sapore unico dell’amicizia.

Così passo dopo passo, ci siamo ritrovati quasi alla fine di questo anno con la consapevolezza di aver percorso un cammino nuovo e con la meraviglia degli occhi dei bambini riflessa nei nostri. Loro sono stati capaci di costruire il primo Natale del cantiere: i canti, le poesie e le filastrocche che di giorno in giorno insieme abbiamo imparato e provato e che hanno allietato il pomeriggio della festa sono stati la tappa finale del nostro cammino. Tante piccole stelline oro e argento hanno brillato e illuminato i visi dei genitori, dei parenti e delle maestre. Abbiamo tutti volato con le ali dell’amicizia e della fratellanza. La festa è stata occasione per ritrovarsi, per condividere dolci tipici e fare dono ai bambini dei regali e dei lavoretti che abbiamo preparato per loro. L’aria respirata è stata quella di una grande famiglia che a casa fa festa.

Non possiamo non ringraziare i volontari e quanti nel silenzio e in vario modo, hanno dato il loro contributo e reso possibile questo primo Natale a Volere Volare.

“Che siate uomini o donne, voi siete membri l’uno dell’altro. Ognuno è l’amico, il guardiano e il protettore dell’altro”. Questa frase tratta dal Corano ci dice tutta l’essenza del significato che abbiamo voluto dare al nostro Natale. Cos’è il Natale se non un camminare insieme all’altro prendendosene cura per essere capaci di volare e inseguire stelle che ci fanno toccare il cielo.

di Carmeluccia Lorefice

 

1 commento

rosariapiazfz36il . 7 Gennaio 2022 - 13:07

Complimenti per l’interessante articolo Bellissima la frase “” Abbiamo tutti volato com le ali dell’ amicixis e della fratellanza “. Complimenti alle mamme dei bambini che si sono rese disponibilità nella realizzazione del progetto .

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su ACCETTO acconsenti al loro utilizzo. ACCETTO Scopri di più